Nel 1999 Giancarlo vende la propria quota maggioritaria della società Caparzo divenuta troppo grande per la sua filosofia produttiva e trova finalmente nel podere del Paradiso di Frassina la dimensione e la suggestione di un sito a giusta misura per un piccolo e fantasioso vignaiolo.

Ci vorranno quasi due anni per restaurare questo antico podere risalente all’anno mille ed abbandonato da oltre cinquant’anni e alla fine il suo sogno si avvera.
In questo meraviglioso sito, affacciato ad una marea incontaminata di colline che si perdono all’orizzonte, viene folgorato dalla magia della musica tra i vigneti.

La storia di tale sofferto e luminoso percorso è raccolta nel suo libro “L’uomo che sussurra alle vigne” edito da Rizzoli a fine 2010.
Il libro testimonia tutte le tappe esistenziali, emozionali e scientifiche dell’ intuizione che sfocerà nel progetto di musicoterapia applicato alla vigna, divenuto oggetto di ricerca delle Università di Firenze e di Pisa.

‘Luomo che sussurra alle vigne’ non è solo un resoconto delle sperimentazioni musicali, quanto la storia sofferta e gaia di una vita diversa, lontana dal frastuono e dalle lusinghe di una grande città. L’autore trova tra le colline di Montalcino una nuova ragione di vita e una luce inaspettata che lo coinvolgera in un progetto meraviglioso ai confini della realtà.